Visualizzazioni totali

giovedì 22 giugno 2017

Pianeta Idea - Marco Amaducci

Titolo: Pianeta Idea                                                                          Autore: Marco Amaducci                                                                      Genere: fantasy                                                                                      Editore: Casa Editrice Kimerik                                                                  Pagine: 188                                                                          Prezzo: 16,00
«Vi siete mai chiesti, anche solo per un attimo, da dove nascono le idee più importanti e rivoluzionarie che hanno forgiato la vita nel pianeta Terra?»                                                                                 Il libro parla di un giovane scrittore, Mark, che è riuscito a portare a termine uno dei suoi obiettivi: quello di scrivere un libro, Pianeta Idea. Come per tutti gli scrittori anche per Mark è giunto il giorno di un'intervista nella quale giornalisti, blogger e curiosi metteranno a dura prova ciò che lui ha messo nero su bianco. Lui però non è un semplice scrittore, lui è un uomo diverso che ha una grossa responsabilità, un'enorme responsabilità. Ma cosa l'ha spinto a scrivere un libro che va oltre ogni realtà umana fino a spingersi in una dimensione soprannaturale? A quale scopo lui ha intrapreso la carriera di scrittore?
     


E' un libro molto particolare, non me lo aspettavo così ben scritto e articolato. L'idea di compiere un viaggio all'interno della storia dell'umanità e mettere in dubbio ogni realtà che conosciamo mi ha fatto riflettere molto sul fatto che nella vita non bisogna mai vivere con i paraocchi, che ci fanno vedere solo ciò che abbiamo davanti , ma bisogna ampliare la nostra vista e andare oltre le nostre certezze e conoscenze, provare ogni giorno a scoprire nuove cose, nuove realtà. Non bisogna vivere con delle certezze assolute ma mettere sempre in dubbio tutto al fine di arrivare alla verità assoluta. Non dobbiamo essere superficiali ma ricercatori, ogni giorno della nostra vita. E' un libro che fa riflettere sui principi che stanno alla base della vita degli uomini che vengono però messi in discussione e criticati. Ho apprezzato molto in modo in cui l'autore Marco Amaducci mischia reale e soprannaturale creando un mix da brividi. Sembra una specie di autobiografia, è come se oltre al viaggio nei meandri della storia ci fosse anche un viaggio nei pensieri che hanno spinto Amaducci alla stesura del libro. Penso si capisca che sono un po' sconvolta, questo libro mi ha fatto lo stesso effetto de Il ritratto di Dorian Gray di O. Wild, effetto shock, senza parole. Che dire, un grazie immenso all'autore per avermi dato l'opportunità di leggere questo libro incredibile e complimenti per ciò che la tua fantasia ha creato. Lascio alcune citazioni: 
«Ecco, questa era una delle situazioni in cui si è trovato Domenico; la sola immagine di Francis sotto una pioggia di gas e granate mentre quei dittatori bastardi decidevano della vita di milioni di ragazzi lo uccideva dentro. Credo che anche tu la penseresti così e faresti di tutto per tener lontano tuo figlio da un inferno del genere. Per tanti è solo storia, per tantissimo è stata realtà.»

«Secondo voi gli altri militari cosa pensano? Anche loro con le sigarette tra le dita, a pensare a quanto siamo coglioni a ucciderci l'un l'altro per niente?»

«Tutto più chiaro adesso? Siamo convinti di avere tutto, che non ci manchi niente, invece ci sbagliamo di grosso. Abbiamo perso quel coraggio che contraddistingueva che voleva veramente una cosa e l'avrebbe ottenuta dando la vita per essa. Oggi si piange sui social network e ci si esalta per il numero dei like o dei commenti che riusciamo ad ottenere. Vittime del sistema che si sfogano in post conditi con frasi fatte mirate, oltre che a voler insegnare agli altri come vivere, ad aumentare il numero di visualizzazioni. Hai un obiettivo fissato nella mente? Ottimo, alzati e combatti, cazzo!»

« […]  E' come quando si è consci di avere un sacco di potenzialità ma per mille motivi, quasi sempre per paura di affrontare gli ostacoli e di mettersi alla prova, ci lasciamo andare, ritrovandoci poi in una bara insieme a tutti i nostri rimpianti.»

«Ma tutti sappiamo che il bisogno di ritrovare se stessi è la più importante delle idee.»


Marco Amaducci
Ha 32 anni e vive a Ravenna. E' laureato in Culture e Tecniche del Costume e della Moda. Pianeta idea rappresenta il suo debutto letterario.


lunedì 19 giugno 2017

Qualcuno come te - Angela G. Di Maio

Risultati immagini per qualcuno come te angela g. di maioTitolo: Qualcuno come te                                                                                        Autrice: Angela G. Di Maio                                                                                      Genere: romance                                                                                                    Editore: Self-Publishing                                                                                          Pagine: 70 (formato kindle)                                                                                      Prezzo: 0,99 € (formato kindle)
«Eravamo tempesta di sabbia, il respiro spezzato dalle mani frenetiche. Eravamo la febbre. Mi svegliai nella camera semi buia tra le sue braccia...»  Il lavoro di Leah consiste nel prendere nota delle preferenze e dei comportamenti di ogni tipologia di cliente per incrementare l'attrattiva del Centro, osserva le vite altrui per evitare di pensare alla propria. Tra la folla in frenetico movimento, Leah scorge il volto di uno sconosciuto che la attrae come una calamita con il ferro, così inizia a seguirlo, avida di scoprire il più possibile su di lui. Nathan prova rabbia, fatidio nel percepire quel penetrante sguardo su di sè, eppure si sente perso quando non lo ritrova ancorato nei suoi occhi. I due si trovano improvvisamente legati da qualcosa di profondo ed inspiegabile, ma Nathan non intende mettere a rischio la sua indipendenza e l'ordine faticosamente stabilito nella sua vita, così come Leah, rapita da ogni suo particolare, non pretende nulla in cambio del suo amore.
blog-divider8
Due sconosciuti, un colpo di fulmine, due vite inconciliabili. Un racconto breve ma intenso, ricco di sentimento e passione, che scava a fondo nell'anima dei due protagonisti, nelle loro insicurezze e timori. Davvero ben scritto, con stile scorrevole ma anche poetico che coinvolge e stupisce il lettore. L'incontro improvviso di due persone quasi ciniche nei confronti dell'amore, che cercano una via sicura e senza ostacoli, della quale però non sono davvero soddisfatti e felici. Si troveranno difronte ad un bivio: meglio percorrere la strada prevista ed organizzata, certa, o quella in cui si è inciampati per caso, o per destino, che può forse portare serenità? Ringrazio l'autrice per l'opportunità di leggere il suo libro e lascio un paio di estratti tratti dal racconto: «Non mi concedevo neppure un istante per rischiare di rimanere sola con i miei pensieri fino al momento di mettermi al lavoro, alienarmi nelle vite altrui mi sembrava la soluzione ideale, girare senza meta per il centro commerciale come il fantasma che stavo diventando, scrutando gli altri»                                        «L'imprevedibilità non faceva per me, preferivo muovermi in punta di piedi nella vita, cercare di arrivare fino alla sua sostanza nascosta: capire, osservando, [...] la bellezza che stupisce e non ferisce, che non ti spezza il cuore»                                                                                                           «La sua pelle era la mia, i miei occhi erano i suoi, eravamo tutt'uno: "Siamo l'aurora boreale", mi aveva detto una volta, il silenzio, le parole, l'amore, la passione, senza compromessi, non potevamo fare altro che arrenderci»   
Angela G. Di MaioAngela G. Di Maio è l'autrice di 'Qualcuno come te', pubblicato il 17 febbraio 2017 e di 'Vietato l'ingresso', una raccolta di poesie pubblicata il 10 maggio 2017.

mercoledì 14 giugno 2017

Una bottiglia nel mare di Gaza - Valérie Zenatti

Titolo: Una bottiglia nel mare di Gaza                                                               Autore: Valérie Zenatti                                                                                         Editore: giunti                                                                                                     Genere: romanzo                                                                                               Pagine: 150                                                                                                         Prezzo: €8,90                                                                                                     «Penso, forse da ingenua, anzi, sicuramente da ingenua ai tuoi occhi, che se persone come noi cercano di conoscersi, il futuro avrà la possibilità di avere altri colori oltre al rosso del sangue e al nero dell'odio».                                                                                                                                              Tal ama la sua città, Gerusalemme, e proprio non riesce a digerire gli attentati kamikaze sempre più frequenti e sempre più vicini. Decide allora di scrivere un messaggio con il suo indirizzo mail e di affidarlo al fratello, che si recherà a Gaza con l'esercito e lascerà la bottiglia contenente il messaggio sulla spiaggia. Tal spera che una ragazza di Gaza trovi la bottiglia e le scriva, condividendo con lei sogni e paure sull'eterna rivalità tra palestinesi e israeliani. Qualcuno davvero le risponde, ma quello che riceve per mail, da parte di un certo "Gazaman", non è di certo un messaggio amichevole e di pace, e chi lo ha scritto di sicuro non è una ragazza.                   
separatore11Una lettura piacevole e coinvolgente, nonostante l'ambientazione a volte drammatica. Il romanzo è adatto sia per ragazzi che per adulti, racconta uno scambio di mail, a volte commovente, altre volte pieno di ironia e derisione, tra una ragazza di Gerusalemme e un ragazzo che vive nella striscia di Gaza. Tal vorrebbe conoscere la persona al di là dello schermo, capire perché il suo popolo è diverso dal proprio, perché appena raggiunta la maggiore età dovrà unirsi all'esercito per andare a combattere proprio nella terra di Gaza, il perché di tutto l'odio e il rancore in quelle terre. Un tema estremamente attuale, non trovate?                                                                                                 Lascio un paio di estratti: "Ho trovato la bottiglia passeggiando in riva al mare. La spiaggia è l'unico posto dove si può dimenticare di essere parcheggiati in un maledetto posto chiamato 'striscia di Gaza'. Nessuno può immaginare cosa sia, se non l'ha visto. Il modo più semplice per descriverlo è elencare quello che non c'è. Dopo, immagino che tutti possano iniziare a farsene un'idea: niente fiume, niente boschi, niente montagne, niente valli, nessun monumento storico, nessun centro commerciale nuovo di zecca, nessuna strada graziosa con i caffè e i negozi di lusso, niente grande parco per le famiglie, niente zoo. La striscia di Gaza è sabbia, qualche ulivo, insediamenti dei coloni israeliani, e case grigie, decine di migliaia di case grigie strette le une contro le altre, strette fino a soffocare, del resto si soffoca presto, qui."                                                                                      "Sono un orologio che si è fermato all'ora del delitto, un cuore che continua a battere mentre il cervello non risponde più. Piango, guardo nel vuoto, vedo cose che non posso raccontare a nessuno."
 Risultati immagini per valérie zenatti Valérie Zenatti                                                                            (1970) scrittrice di narrativa e traduttrice, ha scritto numerosi romanzi e si è aggiudicata il prix du Livre Inter nel giugno 2015. Il suo libro per ragazzi Una bottiglia nel mare di Gaza, le è valso una ventina di premi ed è stato tradotto in quindici lingue. Esiste anche un omonimo adattamento cinematografico con il regista Thierry Binisti, uscito nel 2012 in Francia.  

sabato 10 giugno 2017

Gli occhi del lupo - Federica Amalfitano

Titolo: Gli occhi del lupo                                                                         Autrice: Federica Amalfitano                                                                             Editore: Aletti Editore                                                                                         Genere: Urban Fantasy                                                                          Pagine: 244 (cartaceo) 215 (ebook)                                                                   Prezzo: € 14,00 (cartaceo)  4,99 (ebook)
Salutasi è una pena così dolce, che ti direi addio fini a domai. 
William Shakespeare
Ellen Smith è una diciassettenne molto timida che vive in un piccolo paese, Florence. La sua vita è sempre stata tranquilla e monotona ma una sera tutto cambia. Si trova in un bosco e le cose si mettono male ma proprio quando Ellen si aspetta il peggio un lupo nero le salva la vita. La mattina si alza, va a scuola e prima dell'inizio della lezione arriva un ragazzo nuovo, bello, alto, muscoloso e giustamente con gli occhi di un blu intenso, insomma un'essere irresistibile. I due iniziano pian piano ad avvicinarsi ed a conoscersi, ma chi è veramente questo ragazzo misterioso? Perché si è trasferito a Florence? Cosa nasconde? Riusciranno i due ragazzi a conoscersi fino in fondo? 



Complimenti all'autrice che è riuscita a inserire in una racconto fantasy anche una storia vera, quella tra Ellen e il misterioso ragazzo, ricca di emozioni e colpi di scena. Mi è piaciuto molto vedere l'evoluzione del rapporto tra i due ragazzi durante tutta la storia, un rapporto che si intensifica sempre di più, una fiducia che va sempre aumentando. L'inserimento di queste emozioni e di quei sentimenti ci fa rimanere ancorati alla realtà facendo sembrare il romanzo più reale che fantastico, ho apprezzato molto il fatto di non distaccarsi completamente dal reale. La storia mi è piaciuta molto anche se sono rimasta male per il finale. Che cosa mai sarà accaduto?  Questo libro è molto simile alla saga di Twilight che io ho adorato, quindi potete capire quanto ho apprezzato questa storia.  
Grazie di cuore all'autrice per averci dato la possibilità di leggere il suo romanzo e complimenti ancora. Sinceramente spero ci sia un seguito perché non accetto che finisca così. 
Vi lascio delle citazioni: 
"«Io l'ho sempre vista bianca la luna», bofonchiai dipingendo una sfera di rosso. «E perché non guardi con attenzione»." 
"I suoi occhi si erano illuminati quando avevano incrociato i miei. Mi addormentai con il sorriso sulle labbra." 
" Ma se davvero non l'avessi conosciuta, non sarei mai stato così vivo come lo ero in quel momento."

Qui a seguito trovate il link per visionare il booktrailer: https://www.youtube.com/watch?v=eX--LBaDBTM


Nata ad Ischia in provincia di Napoli nel 1986, si Laurea in Scienze Biotecnologiche per la salute all'Università di Napoli "Federico II" e lavora in laboratorio. Ha sempre avuto una passione smodata per i libri, ma quella per il genere Fantasy nasce grazie al "Signore degli Anelli" di Tolkien e il primo libro di Cristopher Paolini "Eragon". L'idea di scrivere u  romanzo sui licantropo avviene durante gli anni universitari quando aveva bisogno di staccarsi per un po' dal suo dovere di studentessa di Biotecnologie - pendolare da Ischia a Napoli - e dedicare un paio d'ore a se stessa. L'ispirazione avviene con la lettura di "Shiver" di Maggie Stiefvater e la saga degli "Shadowhunters" di C. Clare.

Se volete chiedere informazioni riguardo al libro potete contattare l'autrice o sul blog: http://gliocchidellupolibro.blogspot.it/    o sulla pagina Facebook: https://www.facebook.com/Gli-Occhi-del-Lupo-Federica-Amalfitano-127909497594830/?ref=bookmarks

Il libro è acquistabile su Amazon: http://www.amazon.it/Gli-occhi-lupo-Federica-Amalfitano-ebook/dp/B01BD30CF0/ref=tmm_kin_swatch_0?_encoding=UTF8&qid=&sr=  
e su IBS: httep://www.ibs.it/code/9788859131847/amalfitano-federica/gli-occhi-del.html












giovedì 8 giugno 2017

L'epoca della lavanda in fiore - Valentina Bindi

Titolo: L'epoca della lavanda in fiore                                                                     Autrice: Valentina Bindi                                                                                          Genere: Romanzo                                                                                               Pagine: 220                                                                                                       Prezzo: € 9,00
Ero in piedi in mezzo al campo di lavanda, davanti a me una distesa di fiori blu, viola, lilla, era indescrivibile ed era tutto come avevamo immaginato quel giorno io e Reneè quando qui era interamente ricoperto di neve.
Parigi è la città dell'amore, ma non per tutti. Ellie è una giovane donna con un dolorosissimo passato alle spalle : la morte di una persona molto cara. Viveva a Boston quando è avvenuta la tragedia, ma poi, per il troppo dolore, decise di fuggire e rifugiarsi a Parigi. Lavora presso un ristorante e la sua vita sembra essere migliorata, ma c'è sempre quel dolore, quel senso di colpa che le rode il cuore. Il destino vuole però che, durante il soggiorno in quella splendida città, incontri una persona che le sconvolgerà la vita e i pensieri, che le farà provare emozioni che ormai aveva archiviato, privandosi della possibilità di provare di nuovo l'amore, l'amicizia e un pizzico di felicità e spensieratezza. Questa fantastica persona sta scappando anche lei da un passato molto difficile, ed è proprio questo il motivo che le unirà talmente tanto da decidere finalmente di cercare, insieme, di mettere da parte il passato e il dolore per iniziare a vivere di nuovo. 



Una storia molto particolare ed avvincente. L'autrice è riuscita a farmi provare le stesse emozioni di tutti i protagonisti, ho vissuto il loro dolore, le gioie, la speranza e le illusioni. Tutti abbiamo qualcosa da cui fuggire, da cui scappiamo pensando di riuscire a dimenticare tutto e iniziare una nuova via. Fuggire è facile ma ricominciare tutto dall'inizio è un'altra storia, non è per niente semplice e questo libro ce lo dimostra. Ellie è fuggita, ma non ci vuole coraggio a scappare, ci vuole coraggio a dimenticare il dolore, a dimenticare le emozioni e un pezzo della nostra vita. Scappando non si risolve niente, perché il il dolore ci insegue ovunque noi andiamo, sarà sempre presente nel nostro cuore per straziarlo e farlo morire piano piano. Dunque dobbiamo trovare la forza che c'è in noi, la voglia di vivere e andare avanti, proseguire il nostro cammino. A volte però non riusciamo da soli ad affrontare la vita e la sofferenza e come Ellie ci affidiamo ad una persona che il destino ha voluto farci incontrare, una persona che si trova nella sua stessa situazione, ma insieme riusciranno ad affrontare il loro insopportabile dolore?
Lascio delle citazioni: 
"«No, aspetta. Fammi finire. Tu mi hai ridato la gioia di andare avanti che stava sparendo dalla mia vita dopo tutto quello che mi era accaduto e dopo aver saputo della malattia, e io devo ringraziarti se sto vivendo ancora, se sto vivendo più del dovuto e se sto vivendo con il sorriso nel cuore»"        "«Non credo più alla vita. Mi ha portato via la felicità.» Reneè sbuffò rumorosamente mentre prese il bicchiere che le avevo riempito fino a metà. «La vita non ti regala la felicità, sei tu che devi trovarla. La vita ti regala dolore, ma preferirei non doverla abbandonare perciò ti pregherei di non dire così.»"   "«E tu sei sicura che questo sia amore?» «Desiderare di vivere anche se sei conscia ndi morire da molto tempo, anche se ti sei rassegnata e te ne eri fatta una ragione andando avanti fino a che il celo chiami. Credo sia proprio questo l'amore, desiderare la vita grazie a qualcuno.»"  
"«E' il mio lato peggiore, perdonami.» «Ovvero? Quale è il tuo lato peggiore?»  «Tu» Rimasi sorpresa e dovetti sorseggiare un altro goccio di bourbon che ancora galleggiava nel ghiaccio quasi sciolto del mio bicchiere. «Come, scusa?» «Tu sei il mio lato peggiore, è semplice. Perché mi fai desiderare di vivere oltre le mie possibilità e so che non posso farlo, cosi come non potrei abbandonarti.»


Valentina Bindi ha sempre scritto, è stata ed è la sua più grande passione e benché fosse piccola era già attratta da quel mondo. Il suo romanzo Quando L’Amore Fa Male è giunto in finale al concorso “ilmioesordio2015”, ricevendo molte attenzioni. Ha pubblicato ad Aprile 2016 con la CE 96, rue de-La-Fontaine edizioni le poesie e a Maggio 2016 il romanzo "Stesa sulla paglia umida dell'amore" con la C.E. Eve Edizioni. Nel 2016 è arrivata di nuovo finalista al concorso "ilmioesordio2016" con ben tre romanzi (Il Profumo Della Passione, Quando L'Amore Fa Male e Le Parole Che Sussurrano Le Stelle) e una raccolta di poesie (Cosa Ascolti Nell'Aria?).







giovedì 1 giugno 2017

Harry Potter e la maledizione dell'erede -J.K.Rowling, J.Thorne, J.Tiffany

Titolo: Harry Potter e la maledizione dell'erede                                                    Autore: J.Thorne, J.K.Rowling, J.Tiffany                                                              Editore: Salani                                                                                                      Genere: fantasy (scriptbook)                                                                                Pagine: 368                                                                                                          Prezzo: 19,80€
«Non c’è mai una risposta perfetta in questo mondo disordinato ed emotivo. La perfezione è fuori dalla portata del genere umano, al di là della portata della magia. In ogni momento splendente di felicità c’è sempre una goccia di veleno: la consapevolezza che il dolore verrà di nuovo. Siate onesti verso chi amate, mostrate il vostro dolore. Soffrire è altrettanto umano che respirare.»                                                                                                                                              _Albus Silente           
Diciannove anni sono passati dalla sconfitta di Voldemort nella battaglia di Hogwarts. Harry e Ginny, come Ron ed Hermione, sono ormai adulti, lavorano e hanno formato una propria famiglia. Proprio a bordo dell'Espresso per Hogwarts, Albus Severus Potter incontra Scorpius Malfoy, figlio di Draco, e a sorpresa di tutti entrambi vengono smistati in Serpeverde. Il primo è uno studente senza particolari talenti, figlio di uno dei maghi più popolari e dotati di sempre, il secondo soffre della morte della madre e delle dicerie sulla sua dubbia discendenza. Un'avventura affascinante attente i due ragazzi, che verranno coinvolti da un misterioso oggetto, una giratempo, e da un pericoloso nemico che riesce a conquistare la loro fiducia. Saranno necessari il coraggio di Albus e la mente di Scorpius, oltre alla collaborazione delle rispettive famiglie, per poter ristabilire l'ordine del tempo nel mondo magico. 
           hp doni morte hp doni morte
Non si tratta di un romanzo, ma della trasposizione della sceneggiatura dello spettacolo 'Harry Potter and the Cursed Child', che ha avuto luogo nel West End di Londra il 30 luglio 2016. Il libro è strutturato proprio come copione dell'opera teatrale, in due parti di due atti ciascuna. Molti fan del maghetto protagonista della saga sono rimasti decisamente delusi da questa lettura, ma io credo che nonostante sia difficile passare sopra certi aspetti del racconto e accettare il mutamento dei personaggi a cui eravamo tanto affezionati, anche qua si può ritrovare parte dell'incanto che ci ha coinvolto leggendo la storia di Harry Potter. Oltre alla magia, troviamo anche aspetti della vita reale di noi 'babbani', come la ribellione e la lite coi genitori durante il periodo adolescenziale, i pregiudizi e l'egoismo di chi critica senza conoscere ciò che ciascuno ha passato, e soprattutto il valore della famiglia e dell'amicizia. Lascio di seguito un estratto:                                                                   « Bane: "C'è una nuvola nera attorno a tuo figlio, una nuvola nera e pericolosa."                                    Harry: "Attorno ad Albus?"                                                                                                                        Bane: "Una nuvola nera che può rappresentare un pericolo per tutti noi. Ritroverai tuo figlio, Harry Potter. Ma potresti perderlo per sempre." »                                                    
rowling ecc
Jack Thorne scrive per il teatro (Hope e Let the Right One In), il cinema (War Book e The Scouting Book For Boys), la televisione (Don't Take My Baby) e la radio.     J.K.Rowling autrice della saga di Harry Potter, oltre che de Il seggio vacante, e di una serie di gialli sotto lo pseudonimo di Robert Galbraith. Ha debuttato nella sceneggiatura col film Animali fantastici e dove trovarli (2016).                            John Tiffany regista teatrale pluripremiato di grande successo sia nel West End che a       Broadway. Tra gli altri, ha diretto Once, Lo zoo di vetro, Macbeth, Le Baccanti. Inoltre, è Associate Director del Royal Court Theatre.