Visualizzazioni totali

mercoledì 18 ottobre 2017

Seconda giornata "Quattro blog per un autore" - I giardini dell'Altrove di Loredana La Puma

Eccoci ad un altro appuntamento con la rubrica "Quattro blog per un autore" ...
Altra giornata, altro autore emergente da conoscere! 
                      
Per chi ancora non sapesse di cosa si tratta, potete scoprirlo qui: leggendoinsieme-quattroblogperunautore



Risultati immagini per I GIARDINI DELL’ALTROVE di LOREDANA LA PUMA




Titolo: I giardini dell' Altrove  

Autore: Loredana La Puma                                                      

Editore: Les flaneurs

Brossura: 466 pagine (edizione cartacea)








Sinossi
Due settimane a Natale. Sara Brera, ventitreenne che ha lasciato la famiglia per cercare la propria strada, si licenzia dall'ultimo di una lunga lista di lavoretti precari e indegni delle sue reali aspirazioni. Sull'orlo della disperazione e con gli ultimi spiccioli in tasca, si ritrova casualmente davanti a una vetrina polverosa: è L'Antro di Leo, libreria dall'aria antiquata che sembra quasi materializzarsi lì per lei. La ragazza si fa coraggio e chiede un lavoro al proprietario Ismaele, uno strambo vecchietto che la accoglie e la accetta in prova fino alla vigilia; con sommo disappunto dell'altro commesso, lo scontroso Gabriel. La ragazza sente finalmente di aver trovato il suo posto, ma da quel momento in poi iniziano a susseguirsi una serie di avvenimenti inspiegabili di cui l'Antro sembra essere il fulcro: l'invalicabile porta della cantina, quello scampanellio che sembra fermare il tempo e infine con il piccolo Marco e la sua storia inquietante. Cos'è accaduto nelle ultime ore? Cosa nascondono i due librai? Sara sta per scoprire una realtà più grande di lei che la precipita nel bel mezzo di un'indagine investigativa a tinte sovrannaturali. E sta per compiere una scelta: sarà in grado di rinunciare ai suoi sogni in nome di un bene superiore? 


Link per l'acquisto del libro:
- Amazon:  amazon.it/I-giardini-dellaltrove  (Prezzo cartaceo: 18,70€ - Ebook: 4,99€)
- Mondadori store:  mondadoristore.it/I-giardini-dell-altrove (Prezzo cartaceo: 19,80€ - Ebook: 4,99€) 
- Ibs:  ibs.it/giardini-dell-altrove (Prezzo: 18,70€)
- Sito dell'editore:  lesflaneursedizioni.it/i-giardini-dellaltrove








"LA VITA DIVERTENTE DI UN AUTORE" 

Ci sarà sicuramente un aneddoto divertente legato alla stesura del tuo romanzo. Raccontaci un po’ del lato comico legato al tuo libro o magari legato alle tue prime presentazioni davanti a un pubblico.


💬 Essendo il tema di fondo del romanzo decisamente drammatico (si parla dell'omicidio di un bambino, di fantasmi e di altre cose non troppo allegre), fin da subito ho avvertito il bisogno di alleggerire un po' il tono introducendo diverse scene quasi da commedia. Una delle cose che più mi ha divertito durante la stesura di questi momenti è stato poter inserire una versione romanzata di alcune mie disavventure, trasformando in scene comiche (o tragicomiche) diversi eventi realmente accaduti. 
Il monolocale in cui abita la protagonista, per esempio, con la porta del bagno che rimane puntualmente incastrata e lo scaldabagno che perde acqua in continuazione, è un riflesso di quello in cui io e mia sorella abbiamo vissuto per alcuni mesi. E' stato molto divertente farle leggere il romanzo e vederla scoppiare a ridere nei punti in cui "riconosceva" le nostre avventure.
Per quanto riguarda la prima presentazione del libro, il momento più esilarante è stato senza dubbio quando il mio primo editore - Danilo Marano della Penna Blu, che ha pubblicato i miei tre precedenti romanzi - ha svelato a tutti cosa ho fatto la sera prima della pubblicazione del terzo libro della mia Saga dell'Averon : mandargli un'e-mail chilometrica in cui gli elencavo tutti i motivi per cui quel libro avrebbe fatto schifo ai lettori... :P 


Ringraziamo l'autrice per aver condiviso con noi questa preziosa curiosità, alla prossima!




                      



  1.                               

martedì 10 ottobre 2017

Tutto quello che non ho - Mattia Zadra

Titolo: Tutto quello che non ho                                                         
Autore: Mattia Zadra                                                                   
Editore: Mora editrice
Genere: raccolta di poesie                                                                
Pagine: 74                                                          
Prezzo: € 12,32

« ...Nel paese del "vorrei" 
dove sognare è concesso 
ho il desiderio semplice 
                               di una semplice vita, 
                               dove svegliarmi accanto, 
                               poterti toccare, 
                               perché a parte questo 
                               non saprei che sognare. »

Ironia e autoironia caratterizzano le poesie di Mattia Zadra. 
Una raccolta varia e intrigante, dal linguaggio semplice e colloquiale. Il soggetto principale è la donna amata che, bella e dannata, mai ricambierà il sentimento. 
L'umorismo è la chiave che rende piacevole la lettura di Tutto quello che non ho, assieme alle tematiche quotidiane descritte. Lo stile di scrittura è libero dalla metrica e dalle tipiche convenzioni del linguaggio poetico, rendendo la lettura adatta a tutti. Le poesie sono, inoltre, accompagnate da bellissime illustrazioni in bianco e nero ad opera di Silvia Benedetti e i titoli di ognuna molto simpatici e curiosi. 
L'autore riesce a trattare debolezze, difetti ed emozioni umane come nostalgia e desiderio, delusione e malinconia, con un sorriso derisorio che risulta contagioso per il lettore.

Risultati immagini per separatori instagram loveRisultati immagini per separatori instagram loveRisultati immagini per separatori instagram love

Ringraziamo di cuore l'autore per averci affidato i suoi pensieri e il suo libro. Mattia Zadra è autore, oltre che di Tutto quello che non ho, del libro Vedere e Damn, editi da Cicorivolta Edizioni.


                                      « Ma non ci sei,
                                      e adesso tornare a casa 
                                      è una brutta rogna davvero
                                      per uno come me
                                      che quando è solo
                                      ha la strana tendenza a sentirsi solo. »









mercoledì 4 ottobre 2017

Seconda giornata "Quattro blog per un autore": Profumo di zucchero e vaniglia - Elena Ungini

Ciao a tutti, oggi vi presentiamo la quarta autrice della rubrica "Quattro blog per un autore" sperando di incuriosirvi. 
Conoscete questa rubrica vero? Se la vostra risposta è no potete leggere questo post per capire meglio di cosa si tratta: https://lleggendoinsieme.blogspot.it/2017/09/quattro-blog-per-un-autore.html  

Iniziamo!


 Titolo: Profumo di zucchero e vaniglia                                                      Autrice: Elena Ungini                                                                                  Data di uscita: 14/08/2017                                                                            Prezzo ebook: 1,99                                                                                        Prezzo cartaceo: 9,99                                                                          Pagine: 139                                                                                          Editore: Collana Floreale                                                                    Genere: Contemporary Romance


Sinossi:
Chiara ha ventidue anni, una figlia piccola ed è sola da quando il suo fidanzato, alcolizza e violento, l'ha lasciata. Decisa a trovare un lavoro, frequenta il corso serale per diventare pasticciera. Quando inizia a lavorare nella pasticceria di Stefano, suo ex compagno do scuola, si rende condo di provare per lui un 'attrazione fatale che il giovane sembra ricambiare. Del resto, lui sta per sposare Lucia, con la quale è fidanzato di due anni. Ma Chiara è dolce, simpatica, avvenente e molto più presente di Lucia, sempre in viaggio per lavoro e vacanza e Stefano inizia a portare Chiara con sé alle convention, alle cene, ai vari appuntamenti di lavoro.  Tra loro nasce una nuova complicità che li porterà a scoprire i lati più segreti del loro io interiore. 

Se vi ha incuriosito potete acquistarlo qui: Profumo zucchero vaniglia 



"LA VITA DIVERTENTE DI UN AUTORE" 

Ci sarà sicuramente un aneddoto divertente legato alla stesura del tuo romanzo. Raccontaci un po’ del lato comico legato al tuo libro o magari legato alle tue prime presentazioni davanti a un pubblico.


Episodi divertenti legati a questo libro in particolare non ne ricordo, ma ho avuto un altro flash. Stavo finendo di scrivere il romanzo, l'anno scorso, e pensavo che, a differenza di molti altri libri che ho scritto, in questo non avevo aggiunto neppure il testo di una canzone, perché non avevo trovato nulla che potesse andar bene. Un pomeriggio, mentre mi stavo recando in montagna con la mia famiglia, è partito, dal cellulare di mio marito, un brano di Tiziano Ferro:" Ti scatterò una foto". A quel punto mi è venuta l'idea. Ho ascoltato tutte le canzoni di Tiziano e ne ho usati parecchi pezzi, inserendoli nel libro, a volte modificando anche ciò che avevo già scritto. E il risultato è stato fantastico. Ho sempre legato la musica ai miei libri e difficilmente riesco a scindere musica e scrittura. Infatti, molto spesso, i miei romanzi sono "accompagnati" da una colonna sonora: frasi di canzoni che amo, citazioni... perché la musica fa parte della mia vita così come la scrittura. Non ho ancora fatto presentazioni di questo libro, ma posso raccontarvi la mia prima presentazione in assoluto. E' stata alla biblioteca di Cremona, davanti a una classe di prima superiore. Io ero terrorizzata, temevo di non farcela, tremavo come una foglia, ma una bravissima insegnante e una ventina di adorabili ragazzi mi hanno messo perfettamente a mio agio, e ho passato un paio d'ora davvero stupende. 

















venerdì 29 settembre 2017

La masseria delle allodole - Antonia Arslan

 Titolo: La masseria delle allodole                                                              Autrice: Antonia Arslan                                                                            Editore: Rizzoli                                                                                    Genere: romanzo                                                                                      Pagine: 233                                                                                                Prezzo: € 12,75 

« ...E sotto il sole innocente, nello splendido smalto di una giornata perfettamente luminosa, per l'ultima volta tutti quei corpi e quei volti danzeranno armoniosi, leggeri della gioia e delle attese di sempre. Solo verso sera, dall'altra parte delle cascate rompe un acquazzone torrenziale: sono le lacrime dei loro angeli in lutto. »
Anatolia (attuale Turchia), 1915. Sempad, la moglie Shushanig e il resto dell'estesa famiglia spostano i festeggiamenti, per l'imminente visita di un parente lontano, alla Masseria delle Allodole. La lussuosa villa diverrà quella sera un luogo di lutto e di grida disperate. Le donne della famiglia torneranno da sole a casa, da cui poi partiranno per un viaggio devastante verso Aleppo, senza cibo, senza acqua, senza denaro. E' l'inizio della deportazione degli armeni da parte del governo turco. I sopravvissuti alle violenze del viaggio, verranno poi aiutati, non senza sacrifici, a fuggire e rifugiarsi dai parenti all'estero. Non torneranno più nel loro paese natio, le bambine non parleranno più la loro lingua madre.

           Immagine correlata       Immagine correlata       Immagine correlata

Ambientato in Anatolia e in Siria, allo scoppio della prima guerra mondiale, racconta un lato del massacro che troppo spesso viene dimenticato: il genocidio degli armeni, il rastrellamento di un popolo per ottenerne la terra e le ricchezze. Sicuramente le vicende raccontate mettono un po' d'ansia e portano a riflettere, la storia è ben scritta e dettagliata. Non è presente un vero e proprio protagonista, i personaggi sono troppi e gli stralci di vita di ognuno vengono raccontati in modo apparentemente disordinato e scollegato, ma la storia è veritiera. L'autrice stessa, Antonia Arslan, è di origini armene (la famiglia protagonista ha nome Arslanian), pur non avendo, fortunatamente, vissuto direttamente le vicende narrate. Lascio degli estratti:
« Mentre un brivido disperato la scuote tutta, Azniv improvvisamente comprende un pericolo, un orrore incombente, e il suo giovane sangue dà un balzo di voluttuosa speranza. Un cieco istinto la spinge ad andare via da quel luogo, dove le rose sembrano adesso profumare di morte, e il muro del giardino nasconde tombe sconosciute... vergogna, disonore, follia... »

« Ma sarà Zareh lo scettico, l'europeo, a salvare il retaggio familiare: i nipoti e le fotografie, i quattro corpicini denutriti, uccellini moribondi, piccoli teschi tutt'occhi raggomitolati insieme, e il pacchetto prezioso dei ritratti di famiglia, passati di mano in mano, dai morenti ai sopravvissuti.»

« Oggi è il giorno qui, nella Capitale. Stasera li preleverete nelle loro case, negli ospedali, nelle redazioni dei giornali... Non usate le prigioni, ma le caserme. Non permettete contatti, sequestrate i libri, soprattutto non rispondete, mai, a nessuna domanda. Portate via solo gli uomini. Non toccate le donne.»


Risultati immagini per antonia arslanAntoniaaArslan  (Padova1938
scrittrice e saggista italiana di origini armeneLaureata in archeologia, professore di Letteratura italiana moderna e contemporanea all'Università di PadovaNel 2004 ha scritto il suo primo romanzo, La masseria delle allodole, che ha vinto il Premio Stresa di narrativa ed è stato finalista del Premio Campiello. 



Da questo romanzo è stato tratto l'omonimo film del 2007, di genere drammatico, diretto dai fratelli Taviani. Avviso però che è abbastanza crudo, quindi sconsigliabile a chi è facilmente impressionabile. 

Immagine correlata Immagine correlata