Visualizzazioni totali

mercoledì 28 novembre 2018

Seconda giornata "Quattro blog per un autore" - Nadia Boscu, La chiave del portale

Rieccoci!
Oggi, eccezionalmente, abbiamo un doppio appuntamento con la rubrica  Quattro blog per un autoreQuindi ecco la seconda autrice di questa settimana, Nadia Boscu, e il suo romanzo fantasy La Chiave del Portale:




Sinossi
Una gita scolastica può trasformarsi in una fantastica avventura, con tanto di perfide streghe e gatti parlanti? E quali misteri si nascondono nell’antico bosco di Donnor? Chiedetelo ad Angela e Giuseppe: potrebbero raccontarvi di un’impresa disperata per ritrovare un’insolita “Chiave”, di luoghi incredibili, pericoli di ogni genere, e amici capaci di risollevarti il morale nei momenti più bui; ma anche della speranza come unica arma veramente efficace e della forza del sacrificio. Dimenticavo: se avete un gatto in casa, forse potrebbe rivelarvi molto di più…


Opere dell'autrice: https://www.amazon.it/chiave-del-portale-Nadia-Boscu-ebook/dp/B01M7U96S8
https://www.amazon.it/Uno-sguardo-terrore-Nadia-Boscu-ebook/dp/B00WTNP2VI
Pagina dell'autrice: https://www.facebook.com/Nadia.BoscuAutrice/







“LA VITA DIVERTENTE DI UN AUTORE”



Ci sarà sicuramente un aneddoto divertente legato alla stesura del tuo romanzo. Raccontaci un po’ del lato comico legato al tuo libro o magari legato alle tue prime presentazioni davanti a un pubblico.

💬  - In effetti un episodio divertente, legato ad una delle mie presentazioni, c'è. Talvolta, durante questi eventi, mi è capitato di offrire qualcosa ai presenti. È bello condividere qualcosa come una merenda, da' modo di sciogliere il ghiaccio e fare amicizia. 
In una di queste occasioni avevo deciso di fare dei biscotti. I miei soliti biscotti, seguendo la ricetta tramandata da mia madre. Non è sempre una buona idea preparare del cibo quando si ha la testa per aria, ed io quel giorno certamente ero su di giri, per cui ho sbagliato completamente le dosi. Quando mi sono accorta dell'errore era ormai impossibile rimediare, se non cercando di aggiustare il tiro il più possibile… confidando nella buona sorte. Be', sapete cosa vi dico? Sono usciti squisiti, tanto che ho conservato le modifiche, apportate frettolosamente alla ricetta base, per la gioia di parenti e amici. Li ho chiamati "biscottini fantasy". Vi basta sapere che dopo la presentazione ho ricevuto tantissimi complimenti grazie a loro? Il giorno è stato un successo, forse una delle presentazioni riuscite meglio, e credo che una buona parte di merito sia anche dei miei biscottini fantasy.
Ricordo di aver pensato che forse avrei avuto maggiori possibilità di successo creando dolci piuttosto che scrivendo libri…





Seconda giornata "Quattro blog per un autore" - Marko D'Abbruzzi, Le Cronache di Ansorac

Buongiorno lettori!
Eccoci come ogni mercoledì all'appuntamento con la rubrica  Quattro blog per un autore!
Il nostro nuovo ospite è l'autore Marko D'Abbruzzi. Buona lettura a tutti. 
Ah! Oggi doppia sorpresa, sul blog troverete un altro post e un altro autore da scoprire.























L

Genesi - Inferno & Paradiso. Le cronache di Ansorac:

In una società ignara delle proprie origini e del proprio destino si muove la storia di Ansorac. L'incredibile sogno di un bambino diventato uomo darà inizio a un'appassionante avventura ai confini con la realtà. Combattimenti, intrighi, amicizie e ambizioni girano intorno a un unico fattore chiave: la ricerca della verità.


Link d'acquisto: www.ibs.Le%20Cronache%20di%20Ansorac&query_seo  

Link pagina Facebook: https://www.facebook.com/MarkoDAbbruzziAutore/





“LA VITA DIVERTENTE DI UN AUTORE”


Ci sarà sicuramente un aneddoto divertente legato alla stesura del tuo romanzo. Raccontaci un po’ del lato comico legato al tuo libro o magari legato alle tue prime presentazioni davanti a un pubblico.

💬  Ah, beh, ce ne sono di aneddoti divertenti, sia prima che dopo l'uscita del romanzo! 
Finii di scrivere il terzo volume di Ansorac mentre lavoravo ancora come pizzaiolo, quindi la maggior parte del testo è stato scritto tra una pausa e un'altra, seduto su dei sacchi di farina. Il principale, all'oscuro del mio lato scribacchino, si vantava con i clienti dicendo che “scrivevo le ricette segrete delle mie ottime pizze” – e in effetti sono veramente bravo come pizzaiolo – ma in realtà stavo scrivendo scene di morte e distruzione! Dopo l'uscita di Ansorac ho ricevuto numerosi apprezzamenti, anche da chi, secondo me, non ha ben compreso il messaggio dell'opera. Una signora, per esempio, direi in là con gli anni, mi inviò una mail facendomi molti complimenti e una sola critica: secondo lei il modo in cui avevo descritto la Chiesa di Manowar all'interno della saga era troppo simile alla storia del Cristianesimo e trovava inopportuno svelare alcuni retroscena caduti nel dimenticatoio comune – come ad esempio lo sterminio dei Catari al grido “Massacriamoli tutti, Dio riconoscerà i suoi – o i giochi di potere del papato ai tempi dei Medici. La mia risposta è stata semplice; “Signora, la ringrazio dei complimenti, ma se lei ha scorto dei parallelismi fra una Chiesa immaginaria e un'istituzione millenaria realmente esistente... beh, non è colpa mia se la nostra storia nasconde bene le atrocità di una Chiesa che brucia ciò che illumina”. 
Altro aneddoto: durante una fiera un signore mi chiese di spiegargli di cosa parlasse la saga. Alla fine del discorso mi guardò e mi chiese: “Quindi l'hai scritto tu?”. Io rimasi un attimo basito, poi annuii. Lui continuò: “E sai anche come finisce?”. Allibito, annuii ancora. “Lo hai letto tutto?”. Non sapevo che pensare. Con un mezzo sorriso gli risposi di sì. Continuò con domande assurde fin quando, non capendo se facesse sul serio o meno, gli risposi “Signore, guardi, in realtà il romanzo l'ha scritto la scimmia che ho in garage. Sa, avevo troppo da lavorare!”. 



giovedì 22 novembre 2018

Recensione "La voce dei morti" - Simon Beckett

Titolo: La voce dei morti 
Autore: Simon Beckett                     
Editore: Bompiani                                                     
Genere: Giallo                                              
Pagine: 250
Prezzo: € 19,90 




Uno. Due. Otto. I numeri della dissoluzione. E' in base a questa proporzione che tutti gli organismi - piccoli e grandi - si disgregano. Nell'aria, nell'acqua, nella terra. 

Una mano in decomposizione viene trovata nel bel mezzo di un bosco. Da questa mano partiranno una serie di indagini che si collegheranno a crimini passati, i quali coinvolgeranno tutti nel presente. Tutto si mescola fino alla tremenda verità. David Hunter sarà uno  dei protagonisti di questa vicenda, uno dei tanti che dovrà essere in grado di andare oltre se stesso per giungere alla conclusione nel migliore dei modi. Il coraggio sarà l'arma principale e la fiducia il loro peggior nemico.
Come già avrete intuito nelle recensioni precedenti questo è uno dei miei autori preferiti, capace di farmi innamorare di lui in tutti i suoi libri. Dal primo libro che ho letto, ovvero La chimica dell morte, scoperto per caso, non ho potuto fare a meno di prendere anche gli altri suoi libri. E' una lettura vivace e per niente monotona, carica di ansia nei punti giusti, i colpi di scena non mancano mai. Sono molto soddisfatta della lettura e la consiglio a tutti perché in questo libro l'autore è stato un po' meno dettagliato, soprattutto, nella descrizione dei punti che trattano la decomposizione, quindi può essere letto veramente da tutti. La scrittura è fluida e semplice. Un libro ottimo. Se non conoscete l'autore e siete amanti dei gialli/thriller vi consiglio di dargli una possibilità. Questo libro è stato pubblicato nel 2010 dalla casa editrice Bompiani tradotto da Andrea Silvestri, rappresenta il quanto libro della serie dedicata all'antropologo forense David Hunter. Titolo originale: The calling of the grave. 



Dal vivo, la rientranza della fronte appariva ancora più sinistra, come se fosse riuscito inesplicabilmente sopravvissuto ad un colpo d martello. Sotto di essa, la pelle del viso rivelava le asperità del tessuto cicatriziale, mentre un'escoriazione giallastra e crostosa lungo una guancia suggeriva che lo sfregio fosse recente, almeno in parte. La bocca era atteggiata al solito sorriso obliquo - sembrava che non l'abbandonasse mai. Era come se Monk si rendesse conto della ripugnanza che ispirava, e la schernisse.


 Il seppellimento di un corpo lascia sempre delle tracce. Prima la terra viene rimossa per scavare la fossa e poi è utilizzata per riempirla - e ciò genera un lieve ma evidente rialzo della superficie. Successivamente, allorché inizia il lento processo di decomposizione, la carne e muscoli rilasciano sostanze che si spandono nel terreno, e la modesta asperità inizia ad appiattirsi. 


Simon Beckett                                                                          
Beckett ha un passato da percussionista in un gruppo rock oltre ad essere un grande autore. Ha scritto 5 romanzi che fanno parte della serie di David Hunter: La chimica della morte (2006), Scritto nelle ossa (2007), I sussurri della morte (2009), La voce dei morti (2011) e Acque morte (2017). Ed altri romanzi tra cui la sua ultima pubblicazione: Dove c'è fumo (2018). 

mercoledì 21 novembre 2018

Seconda giornata "Quattro blog per un autore" - Sposiamoci! di Rossana Lozzio

Benvenuti come ogni mercoledì al nostro appuntamento con la rubrica  Quattro blog per un autore!
Oggi abbiamo come ospite l'autrice Rossana Lozzio con il suo romanzo "Sposiamoci!"
Speriamo di incuriosirvi e darvi qualche spunto per la vostra prossima lettura!




Titolo: Sposiamoci!
Autrice: Rossana Lozzio
Editore: independently published 
Genere: Romanzo rosa        
Pagine: 135







Trama
Alberto è un cantautore che rientra in Italia dopo un lungo viaggio in giro per il mondo. Si accorge piuttosto in fretta che questa scelta potrebbe essergli costata la carriera: le vendite dei suoi dischi sono calate in maniera vertiginosa e nessuno è più intenzionato a offrirgli una possibilità.Insieme alla sua fidata assistente, la giovane e innocente Marta, mette in atto il piano suggeritogli dallo spregiudicato manager Tommaso. Una proposta quasi indecente: pianificare un’operazione di gossip per tentare dapprima di rilanciarlo e poi, di ottenere un nuovo vantaggioso contratto discografico.Nasce così una collaborazione più intensa che costringe i due a frequentarsi con assiduità e che crea non pochi problemi alla pudica Marta, già da tempo infatuata di Alberto. Grazie al sostegno delle amiche e all’inaspettato incontro con un affascinante attore, la ragazza sembra reggere bene ogni contraccolpo, anche se il cantautore si diverte a metterla in difficoltà.In un susseguirsi di momenti imbarazzanti, Alberto si accorgerà di essere pronto per qualcosa su cui non avrebbe mai scommesso…





Pagina Facebook Blog Gocce d'inchiostro rosa: http://www.facebook.com/Goccedinchiostrorosa
Link d'acquisto ebook: https://www.amazon.it/dp/B07JCXD2SD

“LA VITA DIVERTENTE DI UN AUTORE”



Ci sarà sicuramente un aneddoto divertente legato alla stesura del tuo romanzo. Raccontaci un po’ del lato comico legato al tuo libro o magari legato alle tue prime presentazioni davanti a un pubblico.

💬“Sposiamoci!” è stato scritto, come prima stesura, parecchi anni fa ed è rimasto chiuso nel cassetto fino a qualche mese fa, quando ho deciso di riprenderlo e dopo averlo riletto, di revisionarlo per la pubblicazione.
Non ricordo, mi spiace procurare una delusione, particolari aneddoti legati alla sua stesura… si tratta di una storia d’amore e di amicizia scaturitami dal cuore e da alcuni spunti di vita reale.
Forse, l’aspetto comico è pensare, oggi, a come la prenderebbe la persona a cui è ispirato uno dei personaggi… se mi soffermo a rifletterci, mi fa sorridere: credo che non ci si riconoscerebbe neppure ma è risaputo che molti di noi preferiscano non vedersi con gli occhi degli altri!



venerdì 16 novembre 2018

Recensione "La verità sul caso Harry Quebert" - Joel Dicker

Titolo: La verità sul caso Harry Quebert
Autore: Joel Dicker 
Editore: Bompiani 
Genere: Thriller 
Prezzo: 9,90 (cartaceo)
Pagine: 770




Dopo l'amore, c'è solo il sale delle lacrime. 

New York, la città america più ambita da chi pensa di avere talento. Per scrittori, attori, modelle ecc. rappresenta il luogo ideale per muovere i primi passi. E così, sulle orme di questo sogno, troviamo Marcus, un giovane scrittore che ha raggiunto la sua fetta di fama grazie alla pubblicazione di un libro. Questa fama, però, se da un lato arricchisce il suo orgoglio dall'altra impoverisce la sua vita, sottomette Marcus. Dopo il suo successo la gente pretende ancora di più, ma lo scrittore non sembra essere in grado di soddisfare le aspettative del suo pubblico e, soprattutto, del suo editore, non riesce a scrivere nulla e le pagine continuano ad essere bianche. Ma lui è obbligato a scrivere ancora un romanzo di successo, ancora meglio del primo. Decide di andare a Goose Cove vicino a piccolo paese di Aurora a  trovare il suo vecchio professore, un grandissimo scrittore ma anche il suo migliore amico: Harry, colui che ha permesso a Marcus di realizzare i suoi sogni e di volare in alto. Ma ha ancora bisogno di lui e delle sue direttive, ha bisogno ancora del suo amico, di qualcuno che gli stia vicino in un momento così delicato. Ma a questa piccola tragedia personale di Marcus si aggiunge un problema più grande: il cadavere di una ragazzina viene trovato sepolto nel giardino di Harry. Il cadavere viene collegato ad un caso avvenuto oltre trentanni prima, la vittima risulta essere Nola Kallergan, una ragazzina scomparsa e mai ritrovata fino a quel momento. Harry verrà accusato di omicidio. Il ritrovamento smuoverà tutti i secreti che il piccolo paese ha nascosto per tutti questi anni fino alla dura verità. Ma chi è realmente Harry? Chi è l'assassino? Riuscirà Marcus a scrivere il romanzo tanto agognato da tutti? 
Ne avevo sentito parlare tantissimo di questo libro, a volte bene a volte male, ma ero talmente curiosa che alla fine l'ho acquistato. Un meraviglioso acquisto oserei dire. Ho trovato molto bella e originale l'impostazione del romanzo. Nonostante il mattone che risulta essere esteticamente l'ho divorato il 3 giorni grazie alla scrittura molto scorrevole e alla curiosità che ogni pagina suscitava in me, non riuscivo a smettere. Ho fatto bene ad acquistarlo, ho scoperto un grande autore. Pian piano recupererò tutti i suoi libri anche se costano davvero molto, ma sono sicura che saranno soldi spesi bene. Sono molto soddisfatta dalla lettura e vi consiglio la lettura, non lasciatevi intimorire dalla dimensione e dal numero di pagine, è un libro che si legge da solo. Per di più non è nemmeno molto costoso quindi accessibile a tutti coloro che voglio scoprire un nuovo scrittore e magari innamorarsene come me. Una delle cose che mi è piaciuta di più in questo libro è l'amicizia profonda tra Macus e Harry, un'amicizia che perdura negli anni e che va oltre i pregiudizi e le chiacchiere. Harry rappresenta per Marcus un pilastro fondamentale per la sua esistenza, a lui deve tutto anche una parte del suo successo e della sua fama. In tutte le storie, l'amicizia, è qualcosa di indispensabile. Per finire, ingrazio tutti coloro che mi hanno fatto conoscere questo libro. 


"Harry, se dovessi salvare solo una delle tue lezioni, quale sceglieresti?" 
"Rigiro a te la domanda." 
" Io salverei L'importanza di saper cadere." 
" Mi trovi pianamente d'accordo. La vita è una lunga caduta, Marcus. La cosa più importante è saper cadere." 


Si era preoccupata a lungo per la figlia: avrebbe potuto finire in sposa a un camionista di passaggio. Peggio: a un socialista. Peggio ancora: a un negro! Tamara inorridì a quel pensiero: la sua Jenny e un lurido negro" A un tratto si sentì prendere dall'angoscia: molti grandi scrittori erano ebrei. E se Quebert fosse stato un ebreo? Che orrore! Forse era addirittura un ebreo socialista! Si rammaricò che gli ebrei avessero la pelle bianca, perché così erano indistinguibili. I negri, almeno, avevano l'onesta di essere neri, così li potevi identificare chiaramente. 



Adora l'amore, Marcus. Fanne la tua conquista più bella, la tua sola ambizione. Dopo gli uomini, ci saranno altri uomini. Dopo i libri, ci sono altri libri. Dopo la gloria, ci sono altre glorie. Dopo il denaro, c'è ancora il denaro. Ma dopo l'amore, Marcus... Dopo l'amore c'è solo il sale delle lacrime.

Joël Dicker 
Nato il 16 giugno 1985 a Ginevra. Ha frequentato il Collège Madame de Stael. All'età di 19 anni, ha preso lezioni di recitazione e al Drama School in Cours Florent di Parigi. Torna a Ginevra per studiare legge e si laurea nel 2010. Il suo primo romanzo è intitolato Gli ultimi giorno dei nostri padri con il quale nel 2010 vince il concorso del Prix Genevois des Escrivains. In italia sarà, poi, pubblicato nel 2015. Nel 2012 viene pubblicato La verità sul caso Harry Quebert, premiato con il Grand Prix du roman de l'Académie française. Nel 2016 viene pubblicato in Italia un altro sul romanzo Il libro dei Baltimore, spin-off de La verità del caso Harry Quebert. Nel 2018 pubblica un nuovo romanzo, La scomparsa di Stephanie Mailer

mercoledì 14 novembre 2018

Seconda giornata "Quattro blog per un autore" - Il mio girotondo di emozioni di Elenia Stefani

Buongiorno lettori!  Eccoci con un nuovo appuntamento in compagnia della rubrica "Quattro blog per un autore". Prendete una tazza di tè caldo, una coperta e sedetevi, magari davanti al camino, e godetevi la presentazione di questa racconta di pensieri e poesie. 


Titolo: Il mio girotondo di emozioni 
Autrice: Elenia Stefani 
Editore: Marco Serra Tarantola Editore  
Genere: Raccolta di poesie         
Prezzo: € 18,70 (formato cartaceo) 
Link d'acquisto Amazon:  http://www.tarantola.it/casaeditrice_scheda.asp?ID=5157 altrimenti potete contattare l'autrice scrivendo alla sua mail: info@eleniastefani.com



“LA VITA DIVERTENTE DI UN AUTORE”


Ci sarà sicuramente un aneddoto divertente legato alla stesura del tuo romanzo. Raccontaci un po’ del lato comico legato al tuo libro o magari legato alle tue prime presentazioni davanti a un pubblico.

Beh, la mia presentazione è stata davvero inusuale e strana…
Si teneva nella libreria del mio editore e con la partecipazione di un noto attore teatrale e giornalista locale; io avevo avvisato che sono molto emotiva e che avrei faticato a parlare con il pubblico ma loro non ci avevano creduto.
Il risultato è stato che per tutta la presentazione, durata circa un’ora, io sono riuscita a dire forse due frasi e ha dovuto parlare tutto il tempo il giornalista perché io non smettevo di piangere dall’emozione.

Riguardo alla stesura invece, essendo un libro di poesie, capitava di trovarmi a scrivere ovunque…come quella volta che ero sdraiata in riva al mare, la marea stava salendo e stava iniziando a piovere (era il primo dell’anno) ma io ero completamente immersa nella scrittura e non sentivo i passanti che cercavamo di attirare la mia attenzione per dirmi di andare a ripararmi; il risultato è stato un bel raffreddore. 


Contatti autrice: 
https://www.pinterest.it/eleniastefaniscrittrice/?eq=elenia%20stefani&etslf=1216
https://www.instagram.com/elenia_stefani/
https://www.facebook.com/EleStefani/?ref=bookmarks 

Recensione "Schiava, guerriera, regina" - Morgan Rice

Risultati immagini per schiava regina guerrieraTitolo: Schiava, guerriera, regina (Di Corone e di Gloria -Volume 1)             Autrice: Morgan Rice                                                                                 Editore: Morgan Rice                                                                                    Genere: epic fantasy 
Prezzo: formato kindle gratuito                                                                        Pagine: 250




« Quando cuore e spada si incontrano, c'è vittoria. »

Nella città imperiale di Delo, Ceres affronta gli spietati ostacoli che la vita pone di fronte ad una giovane ragazza. Povertà e bellezza, assieme ad una volontà ferrea e uno spirito combattivo, che di certo non si addicono ad una comune donna di Delo, la portano a scoprire abilità nascoste, ma anche un crudele destino. Tra lotte e rivolte, schiavitù e fuga, il principe Tano, sprezzante degli ideali e della sfarzosa vita di corte, tragicamente innamorato della misteriosa ragazza, rischierà tutto per lei, ed entrambi si ritroveranno coinvolti nel brutale gioco del potere.

"Schiava, guerriera, regina", che com'è intuibile rappresenta il percorso sorprendente e travagliato di Ceres, è il primo libro dell'ampia serie fantasy "Di corone e di gloria".
Una sorta di Spartaco rivisitato al femminile, di carattere epico, e con l'aggiunta di dettagli del genere fantasy. Un'eroina tragica per protagonista e un'ambientazione che rimanda all'antichità greco-romana. L'ebook è gratuito e quindi accessibile a chiunque (potrebbe risentire di qualche errore dovuto alla traduzione, che tuttavia non penalizza il giudizio generale sul libro), ed è un'ottima lettura per gli amanti del genere. Vendetta, ambizioni, avventura, ingiustizie... 
Un giusto tocco di tragicità e l'abilità narrativa dell'autrice rendono la lettura semplice, coinvolgente e, con l'avanzare delle vicende, sempre più avvincente. 

« "A volte non abbiamo il lusso di poter scegliere la nostra strada," le disse. "Dobbiamo sacrificare tutto ciò che vogliamo per i nostri cari. Anche noi stessi se necessario." »

« Rexus guardò i volti dei vivi- ora suoi amici per la vita- e poté vedere il fuoco che avvampava negli occhi di tutti. Era lo spirito della rivoluzione. E presto quella fiammella sarebbe diventata un inferno che avrebbe distrutto l'intero Impero. Tutto stava per cambiare. »


Morgan Rice
Qui: goodreads.com/author.Morgan_Rice potete trovare l'indirizzo Website dell'autore e le informazioni riguardanti le altre sue opere.